Puglia on the road: tutti i nostri suggerimenti.

puglia pizzettbianca

Dieci giorni di vacanza in Puglia possono essere un dramma per la dieta ma, al tempo stesso, un’immensa soddisfazione per il palato.

Se poi, proprio come noi di pizzettabianca, anziché fermarvi in una sola località scegliete di girare alla scoperta delle meraviglie pugliesi, resterete piacevolmente colpiti da quante cose buone potrete assaggiare in questo lungo angolo di Sud.

Le frise, i taralli, le orecchiette, i cavatelli… questi capisaldi li troverete ovunque e non vi deluderanno (quasi) mai. Integrali, d’orzo, ai cereali o di grano duro: vi piaceranno in ogni versione.

Più difficile, invece, sarà la ricerca di un buon pasticciotto leccese, cioè un fagottino ovale di pasta frolla, ripieno di crema.

“Facile”, penserete.

E invece non è così semplice trovare un pasticciotto fatto a regola d’arte.

Innanzitutto perché molti tendono ad arricchirlo con ripieni che lo snaturano (lo troverete alla ricotta, alla nutella, al pistacchio… ma la ricetta originale esige che sia alla crema).

La seconda ragione che renderà difficile la ricerca del vero pasticciotto è la possibilità di trovarlo ad ogni angolo. Per soddisfare la richiesta, infatti, tutti in Puglia vendono pasticciotti.

Il nostro consiglio è di comprarlo SOLO nelle pasticcerie, così da essere sicuri che non incapperete in pasticciotti industriali secchi e farciti con creme anemiche.

Come riconoscere un vero pasticciotto? Per essere davvero buono deve essere caldo, la frolla deve essere morbida e friabile e la crema rigorosamente fatta in casa.

Dove abbiamo mangiato i migliori?

È d’obbligo suggerirvi di fare tappa nella pasticceria Andrea Ascalone a Galatina, dove il pasticciotto è stato creato per la prima volta più di 300 anni fa.

Ma ecco a voi anche altri due suggerimenti che non vi deluderanno:

Dolci Tramonti, Via Ludovico Muratori, 12 – Porto Cesareo (LE)

Pasticceria Vecchio Ingrosso, Riviera C. Colombo 19, Gallipoli (LE)

Un’altra specialità pugliese che, soprattutto se non la conoscete, dovete assolutamente provare è la purea di fave.

I trulli di Alberobello.

Molti romani come noi, le conoscono solo nella versione fresca, che si mangia il 1 maggio accompagnata dal pecorino.

In Puglia, invece, le fave vengono fatte seccare per poi essere preparate a crema, come si fa con molti altri legumi.

Quando vi troverete in vacanza in Puglia, probabilmente farete tappa ad Alberobello per vedere i famosi trulli… noi le fave più buone le abbiamo mangiate proprio qui. Purea di fave, verdure selvatiche, cioccolato fondente e pecorino.

Vi raccomandiamo di provare questo ristorante nel cuore dei trulli, ha aperto da un solo anno ed è a gestione familiare. Pochi piatti sul menù, ma tutti belli, buoni e ben pensati.

Malerbe, ecco il suo nome, è dotato di un giardino che, con un po’ di impegno, potrebbe diventare un angolo di pace nel caos generato dal turismo dei trulli… Noi abbiamo cenato sotto a un ulivo, ma l’arredamento per ora è molto (o forse un po’ troppo) semplice.

Ecco l’indirizzo:

Malerbe. Cucina semplice di Amula. Via Monte Sabotino, 62 – Alberobello (BA).

Non tutti probabilmente hanno avuto modo di constatarlo ma, per i pugliesi, i crudi di pesce sono un vero e proprio vanto: gli piace sottolineare infatti che loro il pesce lo mangiano “solo crudo”.

Frutti di mare crudi. L’osteria di Chichibio, Polignano A Mare.

Capirete presto cosa intendono non appena entrerete in un qualsiasi ristorante di pesce: oltre ai classici gamberi, scampi o tartare, noterete la lunga lista di crudi a disposizione. Cozze, vongole, fasolari, tartufi, calamari, polpo, seppie, triglie, scorfani e chi più ne ha più ne metta.

In Puglia vi proporranno crudo qualsiasi pesce che il mare mette a disposizione. Siamo nel regno degli amanti del crudo quindi, se non lo avete ancora capito.

Antipasto di crudi secondo disponibilità. Trattoria il Brigante, Monopoli.

Chiaramente noi ne abbiamo mangiato in abbondanza, perciò vi lasciamo nomi e indirizzi di quelli che ci hanno colpito di più:

Da Cosimino, via Vincenzo Monti 76 – Porto Cesareo (LE) – Sito web

Trattoria il Brigante, Via Cavaliere, 17 – Monopoli (BA)

Altra tappa molto gettonata è Polignano A Mare, famosa per la sua bellezza e per aver dato i natali a Domenico Modugno.

Non avendo mai pagato conti salati o eccessivi, in questa località molto chic abbiamo deciso di investire su un ristorante di livello leggermente più alto rispetto ai precedenti, scegliendone uno citato su tutte le guide più famose.

All’osteria di Chichibio, oltre a dei crudi molto buoni e antipasti cotti degni di nota, abbiamo assaggiato dei primi piatti tradizionali davvero squisiti. È facile soddisfare i commensali quando si offrono nuovi accostamenti, ma stupire con ricette classiche e note a molti è veramente complicato perché si rischia di cadere in inevitabili paragoni.

Paccheri con frutti di mare.

Il nostro amore per i ricci ormai non dovrebbe essere una novità e qui da Chichibio abbiamo gustato uno degli spaghetti con i ricci migliori degli ultimi tempi.

Lo chef prepara una crema sublime, appena sporcata con poco pomodorino, che lega alla perfezione con lo spaghettone. Se anche voi avete la nostra stessa passione per questo mollusco non troppo facile da trovare, non perdetelo assolutamente.

L’Osteria di ChichibioLargo Gelso, 12 Polignano a Mare (BA)

Spaghettone con i ricci.

Per noi di pizzettabianca purtroppo scendere nei dettagli di ogni ristorante visitato sarebbe troppo impegnativo  e abbastanza noioso per chi legge…

Riportiamo quindi di seguito un piccolo elenco con altri nomi e indirizzi di ristoranti e gelaterie della Puglia che ci sono piaciuti.

Ci auguriamo che questa mini guida vi torni utile quando vi troverete in questa bellissima regione, che ci ha colpito per il mare, i paesaggi e per la sua cucina indimenticabile.

A kilometro zero – Via Maggiore Galliano, 23 Supersano (LE).

Come si intende già dal nome, questo agriturismo prepara le sue specialità con prodotti a chilometro zero e secondo disponibilità. Moltissimi sono, infatti, le proposte fuori menù, sia di pesce che di carne. Qui troverete anche la carne di cavallo, molto diffusa nell’entroterra salentino e pugliese in generale.

Agriturismo Masseria Nonno ToreContrada Madonna di Loreto, 73039 Tricase (LE).

Piatti tipici e genuini, anche qui preparati con prodotti a km0. Il menu è a prezzo fisso e i coperti sono pochi, quindi vi consigliamo di prenotare con largo anticipo.

Gelateria Crem Maestri gelatai salentini – via G. Marconi 19, Lecce.

Moltissimi gusti, classici e non. Come di norma al sud, il gelato è molto ricco e può bastare anche a sostituire un pranzo.

Da Gianni – via G.B. Tiepolo, 1 Torre Mozza (Ugento – LE).

Una bella terrazza sulla quale vengono serviti piatti interessanti, come gli spaghetti mandorlati, con le alici, o con il granchio.

Papaleo Restaurant – Via Rondachi, 1 Otranto (LE).

Otranto è tanto bella quanto caotica. È possibile però scappare dalla confusione delle sue stradine rimanendo comunque in pieno centro e rifugiandosi sul rooftop dell’Hotel Papaleo, dove troverete un ristorante molto elegante, dotato di una location bellissima e di cucina impeccabile. Ogni piatto è preparato alla perfezione, il pesce è freschissimo e le materie prime sono rigorosamente selezionate. Il nostro piatto preferito è stato un classico della tradizione: il polpo alla pignata.

Frescolatte gelaterie di Puglia – Via Giovanni Barnaba, 4/6 Monopoli (BA).

Un gelato molto leggero che ci è piaciuto tantissimo. Il nostro gusto preferito? Il fiorone, cioè una particolare qualità di fichi, e la panna, anche lei molto leggera.

Pasticceria Martinucci.

Partiti con un piccolo laboratorio a Specchia, la famiglia Martinucci ha conquistato tutto il Salento e non solo: troverete una pasticceria Martinucci in ogni angolo di Puglia. Ve lo consigliamo se cercate pasticciotti caldi ad ogni ora della giornata.

Buon appetito!

 Eleonora

Share with:

Rispondi